Le cascate del Rio Valdarno

Le cascate del Rio Valdarno

Novembre 19, 2016 Non attivi Di admin

Vi proponiamo questo interessante percorso, ancora non molto conosciuto.

Mappa del'itinerario

Mappa del’itinerario

 

 

 

 

 

 

Potete rivolgervi a La Via dei Monti per una gita organizzata considerato che il percorso può risultare di non facile individuazione.

10 km – 4 ore

A Sant’Annapelago in una piccola valle glaciale scorre il Rio Valdarno, che va ad alimentare il Perticara. Lungo questo torrente si snoda un percorso, su antichi sentieri di boscaioli e carbonai, che consente di ammirare 5 bellissime cascate. Lo spettacolo è maggiore quando c’è più acqua quindi fine primavera/inizio estate. Il sentiero è segnalato in giallo-verde inizialmente poi con segnalazioni in giallo.

S.Annapelago - Località Casa delle Rose

S.Annapelago – Località Casa delle Rose

Sentiero degli Spiaggi

Inizio Sentiero degli Spiaggi

 

 

 

 

 

 

Il percorso inizia in località Casa delle Rose dove si imbocca il Sentiero degli Spiaggi, ripristinato nel 2014 da volontari del paese.

Seguendo il sentiero si arriva all’indicazione della prima cascata, la cascata del Rioo: bisogna scendere giù nel torrente per ammirarla.

Cascata del Rioo, foto di Vittorio Piacenza

Cascata del Rioo, foto di Vittorio Piacenza

Cascata della Bandita

Cascata della Bandita

 

 

 

 

 

 

Risalendo sul sentiero si prosegue fino alla Cascata della Bandita, una delle più belle. Il sentiero prosegue guadando un ruscello dopo il quale a sinistra troviamo la Cascata di Sassorso.

Cascata di Sassorso, foto di Cristina Crovetti

Cascata di Sassorso, foto di Cristina Crovetti

13_dscn4906 14_dscn4910

 

 

 

 

 

 

Proseguiamo nel bosco, dove fotografiamo alcuni alberi maestosi. Il sentiero gira a sinistra e torna indietro lungo il Rio Valdarno, seguendo adesso il sentiero Cai 549. Qui, poco dopo, troviamo indicazione per la cascata del Terzino.

19_fotogiosybarigazzi_terzino1

Cascata del Terzino, foto di Alessia Palandri

Cascata del Terzino, foto di Alessia Palandri

Cascata del Terzino, foto di Alessia Palandri

 

 

 

 

 

 

Proseguiamo lungo il sentiero 549 lungo il quale incontriamo una bella fontana in pietra

20_dscn4930

Fontana nel bosco

 

 

 

 

 

 

A un certo punto il sentiero sale verso destra, ma noi prendiamo una piccola scorciatoia, segnalata in giallo, che ritorna sul sentiero 549 in corrispondenza di una casa diroccata chiamata Capanna d’Ramon. Il bosco si apre e ci regala una bella vista sulla Nuda e poco dopo girando a sinistra troviamo la spettacolare cascata della Cascadora.

capanna d'Ramon

capanna d’Ramon

Monte Nuda

Monte Nuda

 

 

 

 

 

 

Verso la Cascadora

Verso la Cascadora

La Cascadora, foto di Alessia Palandri

La Cascadora, foto di Alessia Palandri

 

 

 

 

 

 

A questo punto riprendiamo il sentiero verso Ponte Sannt’Anna e facciamo una piccola deviazione, attraversando il Rio Fontanacce, per andare a vedere, dulcis in fundo, il Pozzo del Pisano. Altra bellissima cascata con una bella piscina nella quale condizioni climatiche permettendo si può fare un bel bagno.

29_dscn4947 30_dscn4949

 

 

 

 

Riprendiamo il sentiero che, passando sopra al B&B Boscoverde di Ponte Sant’Anna (ottimo posto per una deliziosa merenda ristoratrice – http://www.facebook.com/BB-Boscoverde-207692914679/) e dalla località Casa Gennaio (dove si trova una Casa costruita con criteri ecologici detta casa passivahttp://www.facebook.com/Casa-Gennaio-la-casa-passiva-154616684565699/), ritorna al punto di partenza.

Grazie alla nostra guida personale Cristina Crovetti

“I came where the river Ran over stones; My ears knew An early joy. And all the waters Of all the streams Sang in my veins That summer day.” – T. Roethke, The Waking

Galleria completa delle immagini




































Mappa del'itinerario
Source: Intorno al Monte cinone